Aggiornamento collegamento registratore telematico alle specifiche XML Ver.7

By Basilio Speziale at maggio 03, 2021 18.05
Filed Under: Sette - Gestionale, Nuove funzioni

Nell'ultimo anno nel mondo dei registratori telematici ha esordito un nuovo standard per la gestione e la trasmissione dei dati fiscali fra dispositivo e Agenzia delle Entrate. Questo, detto in soldoni, ha comportato l'aggiornamento del firmware interno al dispositivo cassa ed il relativo aggiornamento del software gestionale per l'implementazione vera e propria delle nuove specifiche.

Le novità introdotte del nuovo tracciato Xml Versione 7.0 mirano a rimuovere i limiti del tracciato utilizzato finora (XML Versione 6), questi è stato adeguato come dichiarato, per permettere una più corretta e completa elaborabilità dei dati.

Il nuovo formato permetterà di superare alcune delle attuali limitazioni, tra le quali la duplicazione d’imposta per i corrispettivi, nel caso in cui poi segua la fattura elettronica richiesta dal cliente. Il tutto in attesa che Agenzia delle Entrate decida di mettere a disposizione dei servizi di consegna dei corrispettivi telematici, che renderebbero completamente automatizzabili le operazioni di registrazione in contabilità dei corrispettivi giornalieri.

In particolare Agenzia delle Entrate per consentire un comodo periodo di adeguamento dei registratori telematici ha stabilito che a partire dal 1° marzo 2020 è possibile trasmettere i dati delle chiusure sia nel vecchio che nel nuovo formato

A partire dal 1° Ottobre 2021 i dati dei dovranno essere trasmessi esclusivamente nel rispetto del nuovo formato XML versione 7.0 questo ovviamente a meno di proroghe.

Vi ricordo che l'indicazione non è facoltativa ma rappresenta un obbligo fiscale ciò significa che a partire dalla data indicata, ci sara un taglio netto, ossia i dispositivi non aggiornati non saranno più in grado di inviare i dati di chiusura fiscale esponendo l'esercente ad un serio rischio di sanzioni.

In tutto questo scenario SETTE gestisce sia la vecchia che la nuova versione dei protocolli di collegamento con attualmente la possibilità di scegliere all'interno dei parametri di configurazione della vendita al banco, quale usare in base al firmware installato nella vostra cassa. Va comunque ricordato che a partire dalla data di assunzione dell'obbligo SETTE, commuterà in automatico al nuovo formato anche se questi non è stato precedentemente attivato.

Fra le modifiche introdotte è importante indicare la distinzione fra beni e servizi, infatti per ogni importo inviato al dispositivo è necessario specificare direttamente o tramite assegnazione al reparto, a quale delle due tipologie questi si riferisce. Altra importante novità è l'introduzione di nuove tipologie di “Totali” utilizzati per la chiusura dello scontrino. Legato a quanto detto prima è il “Non riscosso Servizi” che va utilizzato nel caso uno scontrino riferito a dei servizi non viene pagato nell'immediato. Altro totale di interesse per quelle attività a seguito dell'emissione di uno scontrino fiscale emettono fattura elettronica riferita allo stesso è il “Non riscosso Segue Fattura” che provvederà a indicare nello scontrino stesso che sarà seguito da fattura e molto importante conteggerà i dati iva separatamente in modo da farli sovrapporre con quelli in seguito inviati dal sistema di fattura elettronica.

Altra importante novità e per chi accetta buoni pasto dovrà espressamente indicarlo tramite l'utilizzo di un totale apposito indicando di volta in volta oltre all'importo anche il numero di buoni incassati.

Su “Servizio” → “Parametri vendita al Banco” → “Cassa” sono adesso presenti dei nuovi parametri di configurazione in grado di indicare a SETTE a quali dei totali della cassa corrisponde ognuna delle nuove funzionalità.

 

Operazioni di cambio anno

By Basilio Speziale at dicembre 31, 2020 16.45
Filed Under: Sette - Gestionale

Come consuetudine con l'arrivo del nuovo anno, è necessario predisporre gli archivi di SETTE per operare con il nuovo corso. Per questo è possibile utilizzare la procedura "Cambio Anno" in grado di eseguire in maniera semplice ed automatica tutte le operazioni necessarie a tale scopo.

Per chi ha il servizio di aggiornamento attivo ed ha quindi a disposizione gli ultimi aggiornamenti del programma o utilizza la versione 4.4 di SETTE, può accedere alla procedura dal menu "Servizio" scegliendo la voce "Creazione archivi nuovo anno", in caso contrario la procedura è accessibile dal menu programmi di windows. In caso estremo è anche possibile eseguire semplicemente con un doppio click, il fle CambAnno.exe presente all'interno della cartella di installazione di Sette tipicamente presente sul disco "C" del PC.

Visto che nelle modalità operative non ci sono grosse differenze rispetto a quanto fatto negli anni precedenti, consiglio di seguire il link qui di seguito per consultare nello specifico cosa e come fare.


"Procedura di cambio anno per SETTE"


Sempre per chi ha il servizio aggiornamenti attivo e quindi le ultime versioni di SETTE, la procedura di cambio anno prevede anche la possibilità di spostare parte dei movimenti contabili dall'anno in corso al nuovo anno. Per maggiori dettagli su questa funzione consultate il post :


"Spostamento movimenti contabili"


Come sempre prima di intraprendere qualsiasi azione è decisamente consigliato fare una copia di salvataggio degli archivi.
Ricordate che : è meglio una copia in più che una in meno


Con l'auspicio che l'anno che verrà porterà una trasformazione

   Buon anno e buon lavoro

Novità per la fattura elettronica a partire dal 1° Gennaio 2021

By Basilio Speziale at dicembre 13, 2020 23.19
Filed Under: Sette - Gestionale, Fattura elettronica

Dal primo di Gennaio diventerà obbligatorio l'utilizzo della versione aggiornata del tracciato XML per l'invio delle fatture elettroniche al sistema di interscambio. Sempre dal primo di gennaio il formato attualmente in uso verrà inevitabilmente scartato se conterrà uno o più degli elementi non più consentiti.

La novità più rilevante del nuovo formato è l'adozione di nuovi codici “Natura Operazione” da applicare per le operazioni con iva zero e la relativa dismissione di quelli sostituiti.

A seguire l'elenco dei codici aboliti e dei relativi sostituti

Abolito Sostituito da

N2

N2.1 non soggette ad IVA ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies del DPR 633/1972
N2.2 non soggette – altri casi

N3

N3.1 non imponibili – esportazioni
N3.2 non imponibili – cessioni intracomunitarie
N3.3 non imponibili – cessioni verso San Marino
N3.4 non imponibili – operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione
N3.5 non imponibili – a seguito di dichiarazioni d’intento
N3.6 non imponibili altre operazioni che non concorrono alla al plafond

N6

N6.1 inversione contabile – cessione di rottami e altri materiali di recupero
N6.2 inversione contabile – cessione di oro e argento puro
N6.3 inversione contabile – subappalto nel settore edile
N6.4 inversione contabile – cessione di fabbricati
N6.5 inversione contabile – cessione di telefoni cellulari
N6.6 inversione contabile – cessione di prodotti elettronici
N6.7 inversione contabile – prestazioni comparto edile e settori connessi
N6.8 inversione contabile – operazioni settore energetico
N6.9 inversione contabile – altri casi

Altra modifica rilevante è l'adozione di nuove tipologie documenti fra le quali le più significative per il lavoro di tutti i giorni sono quelli destinati alla fatturazione differita ossia sino ad ora il sistema di interscambio non èra in grado di distinguere in modo agevole fra fatture immediate e fatturre emesse in differita. Con il nuovo formato le fatture differite vengono esplicitamente identificate da uno specifico codice.

SETTE dalla versione 4.4.2012.1 emetterà tutti i documenti di vendita utilizzando il nuovo tracciato XML permettendo quindi l'utilizzo dei nuovi codici e distinguendo le fatture differite dalle altre tipologie di fatturazione.

Per chi attualmente utilizza i codici “Natura Operazione” generici N2 N3 ed N6 dovrà intervenire sui relativi codici iva, Menu Tabelle → Codici Iva, e sostituire il codice Natura con un nuovo idoneo al tipo di operazione svolta ed eventualmente integrarli con l'inserimento di nuovi codici IVA. Mi piace ricordare che SETTE non presenta limitazioni nel numero di codici IVA configurabili e gestibili, ma come sempre vi consiglio di non complicarvi la cosa più del necessario.

Nel caso le modifiche appena descritte non vengano adottate, SETTE al momento dell'emissione del documento XML di fattura elettronica controllerà la presenza di codifiche non valide ed in caso positivo emetterà un messaggio di errore per indicare l'errato utilizzo del codice natura non più valido.

Per il resto in linea di massima l'operatività rimane invariata.

 

Mostrare le destinazioni sullo zoom dei documenti fiscali

By Basilio Speziale at novembre 01, 2020 20.59
Filed Under: Sette - Gestionale, Nuove funzioni

In fase di visualizzazione o modifica di un documento emesso da SETTE, Premendo di tasto F5, è possibile ricorrere alla funzione di Zoom per cercare/identificare il documento da trattare. Questa è in grado di mostrare l'elenco dei documenti già emessi in varie modalità e in base a tre diversi ordinamenti, Data Nome ed importo.

E' adesso possibile chiedere alla finestra di Zoom documenti di mostrare oltre all'intestatario del singolo documento anche la destinazione dello stresso in modo da avere una visione più dettagliata ed immediata dell'informazione. L'informazione “destinazione” era comunque già disponibile da prima e veniva mostrata nella parte bassa della finestra per il solo documento selezionato, con la nuova implementazione questa viene anche mostrata nella griglia dati.

Per attivare la funzione basta selezionare la voce “Mostra le destinazioni” presente nella parte sinistra della finestra di zoom, SETTE provvederà ad eseguire in automatico tutte le azioni necessarie.

Nel caso le destinazioni siano visibili e viene scelto l'ordinamento “Per Nome” allora i dati presenti nella griglia verranno proposti ordinati per “Nome” → “Destinazione” → “Data”. Nel caso in cui la destinazione non sia visibile i dati verranno ordinati per “Nome” → “Data”


Annullo scontrino fiscale già emesso

By Basilio Speziale at ottobre 11, 2020 22.19
Filed Under: Sette - Gestionale, Nuove funzioni

Con l'adozione del registratore telematico al posto del “vecchio” misuratore fiscale, è possibile eseguire l'annullo di uno scontrino già emesso. Per questo ogni modello di registratore prevede una sua procedura richiamabile da tastiera, questa richiederà fondamentalmente tre parametri ossia:

  • Il numero di azzeramento nel quale lo scontrino è conteggiato

  • Il numero progressivo dello scontrino

  • La data di emissione dello scontrino

Inseriti i quali il dispositivo verificherà la presenza del documento sul suo giornale elettronico e se questi darà esito positivo procederà ad emettere uno scontrino di annullo marcando contestualmente il documento per impedirne un ulteriore annullo.

Pur essendo tale procedura obbligatoriamente presente su tutti i modelli di registratore telematico la sua attivazione da tastiera non sempre risulta comoda ed intuitiva lasciando spesso all'utente come unica alternativa quella di attaccarsi al telefono per chiedere lumi.

Sia il modulo di vendita al banco di SETTE che MICCPOS prevedono la possibilità di richiedere l'annullamento dello scontrino senza dover interagire con la tastiera del registratore indicando i dati necessari per l'esecuzione dell'annullo direttamente da PC senza quindi utilizzare la tastiera del dispositivo cassa.

Su SETTE la funzione è disponibile nel pannello “Comandi Cassa” accessibile dal menu “Servizio” → “Mostra comandi cassa” → “Altre Funzioni”



Su MICC POS la funzione è disponibile dal pannello “Funzioni”



In ambedue i casi per per procedere all'annullo vanno specificati i dati identificativi dello scontrino, di fatto gli stessi necessari per la procedura di reso merce.


 

infine una precisazione, sto sempre parlando di “Scontrino” ma nella normativa RT lo Scontrino fiscale non esiste più questi viene sostituito dal “Documento commerciale di vendita o prestazione”. Anche in questo caso lascio a voi la scelta se chiamarlo Ugo o Massimiliano.

Basilio Speziale

Laureato in Scienze dell'Informazione presso l'università degli studi di Bari nel 1989, nonchè perito in elettronica industriale.