Filtrare gli elementi mostrati su “Zoom documenti fiscali"

By Basilio Speziale at novembre 27, 2016 13.37
Filed Under: Sette - Gestionale Magazzino

Aggiunta alla finestra di Zoom documenti fiscali la funzione di filtraggio degli elementi visualizzati. E' adesso possibile impostare un intervallo di date oltre a chiedere a SETTE di visualizzare soltanto i documenti con una particolare intestazione o comunque che contengano una specifica parola o frase nell'intestazione.

Per attivare la nuova funzione è sufficiente premere il pulsante “filtro documenti”, questo comporterà l'apertura nella parte alta della finestra di un pannello contenente i criteri di filtro da applicare. Assegnati i parametri di filtraggio è sufficiente premere il tasto “Esegui” presente sulla destra del pannello.

La funzione di filtraggio può essere disattivata chiudendo il pannello premendo premendo il pulsante con la “x” rossa in alto a destra del pannello stesso o premendo ulteriormente il tasto “Filtro documenti”

 

Funzione cerca per gli allegati

By Basilio Speziale at ottobre 28, 2016 17.38
Filed Under:

Quando gli allegati per un articolo o per una anagrafica contabile diventano tanti può tornare utile la nuova funzione di ricerca. Per attivarla è sufficiente premere il pulsante “cerca” che attiverà l'apposito pannello dove inserire i parametri di ricerca, la funzione è stata implementata come filtro ossia la stringa verrà comparata con il contenuto del campo “commento” riducendo gli elementi mostrai nella griglia solo a quelli che soddisfano i parametri.


 

per disattivare la funzione di ricerca e/o indurre la griglia a visualizzare tutti gli elementi basta premere ulteriormente il pulsante “cerca”, in questo modo il pannello di ricerca si chiuderà e la griglia tornerà a mostrare tutti gli elementi.

Stampa fattura con modulistica in inglese

By Basilio Speziale at settembre 25, 2016 14.10
Filed Under: Sette - Gestionale Magazzino, Nuove funzioni

Se avete esigenza di spedire delle merci all'estero ricordate che semplificare le operazioni doganali è necessario che la fattura che accompagna la spedizione sia compilata in lingua inglese, questo comporta che anche le diciture presenti nel modulo sia espresse in tale lingua.

SETTE è in grado di cambiare al volo la lingua del modulo proprio al momento della stampa semplicemente cambiando l'impostazione del campo “lingua del modulo” nella finestra che precede le operazioni di stampa. In questo caso SETTE provvederà automaticamente a sostituire le diciture in lingua italiana con le corrispondenti in lingua inglese, va da se che le descrizioni degli articoli e le eventuali note al momento vanno compilate manualmente.

Di seguito alcune indicazioni di carattere generale sulla compilazione del documento tratte dalla “Guida alla compilazione della Fattura Commerciale o Proforma” presente sul sito internet di poste italiane consultabile all'indirizzo:

“http://www.sda.it/SITO_SDA-INSIDEX-WEB/pages/Guida_Fattura_Commerciale_it/183”

Di cosa si tratta?

Le spedizioni di merci e materiali non classificabili come documenti, destinate ai paesi Extra Unione, sono soggette alle normative doganali che prevedono l’emissione della Fattura Commerciale o Proforma.

Si tratta di documenti con cui il mittente dichiara il contenuto, il valore della spedizione ed il materiale di composizione della merce, in conformità alle diverse normative internazionali, che prescrivono determinati requisiti di esportabilità. Risultano quindi necessarie per le operazioni di sdoganamento in esportazione, per facilitare i controlli delle Autorità Doganali e per assicurare una consegna puntuale.

 

Che differenza c'è?

  • La Fattura Commerciale è prevista dalla normativa doganale in caso di spedizioni di merci e materiali di valore commerciale destinati alla vendita.
  • La Proforma serve in caso di spedizioni di merci e materiali non classificabili come documenti e non destinate alla vendita. Si tratta di spedizioni effettuate di solito tra privati.

 

Come si compilano?

Per garantire un rapido e preciso sdoganamento è necessario che Fattura Commerciale e Proforma contengano informazioni complete e corrette. Errori o mancanze potrebbero causare un ritardo doganale, un errato calcolo degli oneri da pagare con conseguenti multe e sanzioni.

Ogni Fattura Commerciale e Proforma deve essere necessariamente scritta in inglese. Se è scritta in italiano deve riportare la traduzione nella lingua del paese di destinazione e deve essere prodotte in cinque copie.

 

Quali sono le informazioni obbligatorie?

  • Numero della Lettera di Vettura.
  • Nome e cognome, indirizzo e partita IVA del mittente o dell’esportatore.
  • Nome e cognome, indirizzo con codice postale e numero di telefono del destinatario.
  • Paese di fabbricazione o di origine.

Il paese d’origine è il paese dove le merci sono state prodotte e non il paese dell’esportazione. Se i prodotti sono stati fabbricati in più di un paese, indica ogni paese di origine accanto al prodotto corrispondente.

  • Descrivi in inglese in modo dettagliato tutti i prodotti.

La descrizione generica della merce (es. "parts", "samples") non è sufficiente. Occorre specificare:

  • che cos’è il prodotto
  • di che materiale è fatto
  • la quantità del prodotto
  • il numero complessivo dei colli e, per ogni collo la quantità, l'unità di misura, il peso, il valore singolo e totale
  • l’utilizzo finale del prodotto.

- Ad esempio: "10 scatole di viti in acciaio inox per aeromobile civile" piuttosto che "Parti di aeromobile civile"

  • Indica la valuta.

- Precisa in modo chiaro la valuta che stai utilizzando ad esempio (USD,CAD,EUR). Il simbolo “$” non è sufficiente.


 

 

Effetti in attesa di valuta – data di riferimento

By Basilio Speziale at giugno 27, 2016 23.05
Filed Under: Nuove funzioni

Capita nei rapporti commerciali di ricevere dei pagamenti non immediatamente monetizzabili e quindi incassabili dopo un dato numero di giorni. La gestione contabile di questi incassi/pagamenti normalmente viene fatta creando un conto transitorio sul quale parcheggiare le somme e da questi prelevarle alla data di pagamento. In questo caso una richiesta comune degli utenti è “come faccio a tener nota sia del giorno che ho ricevuto il titolo che del giorno dell'effettivo incasso ?”.
Per rispondere a questa esigenza SETTE mette adesso a disposizione all'interno delle registrazioni contabili il nuovo campo “Data di Riferimento”, questi può essere utilizzato per indicare la data di ricezione del pagamento o in alternativa la data di incasso.



Il nuovo campo è disponibile oltre che nell'inserimento prima nota, nella scheda contabile e, cosa non secondaria, nelle funzioni di selezione dei movimenti contabili. In questo modo è possibile visualizzare/stampare i soli movimento corrispondenti ad un dato periodo temporale.
Come nello stile ormai consolidato per SETTE, visto che se si decide di non utilizzare la funzione il nuovo campo può essere d'intralcio. Pertanto per poter utilizzare la “data di riferimento” questa deve essere attivata tramite la funzione “Configurazione di base” disponibile sul menu “Servizio”.


Aggiunta del campo “Causale” per ogni rigo di configurazione delle causali contabile

By Basilio Speziale at maggio 29, 2016 13.06
Filed Under: Sette - Gestionale Magazzino, Nuove funzioni

Come ben sanno gli utenti di SETTE, nella compilazione delle scritture di prima nota è possibile cambiare la causale in corsa ossia se ad esempio si sta caricando una fattura acquisto e questa è stata pagata in contanti è possibile all'interno della stessa scrittura continuare con la registrazione del pagamento semplicemente aggiungendo/cambiando la causale da un certo rigo in poi.
Adesso è possibile aggiungere il cambio al rigo desiderato direttamente dei dati di configurazione della causale contabile.



Risulta ovvio che per le righe di configurazione per le quali non è stata specificata alcuna causale venga considerato il codice della causale principale, quello in testa alla configurazione.


Nota: La funzione è disponibile a partire dalla versione 4.1

 

Basilio Speziale

Laureato in Scienze dell'Informazione presso l'università degli studi di Bari nel 1989, nonchè perito in elettronica industriale.